Certificati sportivi non agonistici, l’Antitrust: “Stop all’esclusiva”

Nel settore serve più concorrenza. L’Antitrust, il Garante della concorrenza e del mercato, scrive al Parlamento chiedendo che medici di famiglia, pediatri e medici sportivi non abbiano più l’esclusiva nel rilascio dei certificati medici per attività sportive non agonistiche. Nel mirino dell’Autorità, in una segnalazione relativa alla legge 98 del 2013, finiscono le norme che «appaiono ingiustificatamente restrittive della concorrenza (tra professionisti medici)» che determinerebbero un vantaggio solo per alcune categorie di camici bianchi e un danno economico, invece, per il paziente.
«Una maggiore concorrenza tra medici – scrive ancora l’Antitrust – nella fornitura di tale prestazione professionale potrebbe portare a un significativo ampliamento delle possibilità di scelta da parte del paziente in merito al professionista cui rivolgersi, nonché a significativi benefici sotto il profilo dei costi economici sostenuti dal paziente stesso».
Secondo il Garante, l’esclusiva di cui godono oggi i medici di medicina generale, i pediatri e i medici sportivi – fissata in particolare nell’articolo 42 bis, comma 2, che recita: “I certificati per l’attività sportiva non agonistica [...] sono rilasciati dai medici di medicina generale e dai pediatri di libera scelta, relativamente ai propri assistiti, o dal medico specialista in medicina dello sport ovvero dai medici della Federazione medico-sportiva italiana del Comitato olimpico nazionale italiano. Ai fini del rilascio di tali certificati, i predetti medici si avvalgono dell’esame clinico e degli accertamenti, incluso l’elettrocardiogramma, secondo linee guida approvate con decreto del Ministro della salute [...]” – non sarebbe in alcun modo giustificata dato che «le verifiche richieste al professionista per il rilascio del certificato in questione non appaiono prerogative specifiche delle categorie di medici individuate dalla normativa segnalata».
L’Agcom, dunque, chiede al Parlamento di eliminare la restrizione. Non si segnalano, per ora, in merito prese di posizione da parte delle categorie interessate.

In allegato la segnalazione dell'Authority

 

Allegati: 
AllegatoDimensione
AS1369_SegnalazioneAntitrust.pdf121.03 KB
Segreteria OMCeO Ve
Categoria News: 
Dalla Rete
Pagina visitata 296 volte