Convegno su medici e macchine. Su QS anche un intervento di Ornella Mancin

Quotidiano Sanità continua a dedicare ampio spazio al nostro convegno Medicina tra umanesimo e tecnologia che si è svolto venerdì 16 e sabato 17 giugno alla Scuola Grande di San Marco, a Venezia. Dopo l'intervento delle due filosofe Tiziana Mattiazzi e Bruna Marchetti, oggi ospita nella sezione "Lettere al Direttore" anche un intervento di Ornella Mancin, presidente della Fondazione Ars Medica che, per contro dell'Ordine, ha curato i percorsi filosofici e l'intera iniziativa. 
«Dal Convegno di Venezia - scrive - arriva un grido di allarme. Se vogliamo evitare di essere trasformati in “robot” dobbiamo respingere una medicina che ci vuole semplici esecutori di procedure e protocolli. Serve ripensare a un nuovo modello culturale di medicina e di medico che sia all’altezza della complessità del tempo che viviamo e che sappia affrontare la “necessità del malato” grazie sì all’aiuto della macchina ma senza che questa ci schiacci e ci sostituisca. La macchina deve essere solo uno strumento al nostro servizio per fornire dati da interpretare e integrare con ciò che osserviamo e comprendiamo nella visita».

Clicca su Quotidiano Sanità per leggere l'articolo integrale

Segreteria OMCeO Ve
Categoria News: 
Dalla Rete
Pagina visitata 435 volte