Medici e macchine: le filosofe scrivono a "Quotidiano Sanità"

Costato tanto impegno e un lungo e faticoso lavoro preparatorio, il convegno Medicina tra umanesimo e tecnologia, anticipato dal simposio ispirato al cinema, continua a dare grandi soddisfazioni agli organizzatori, approdando in queste ore su Quotidiano Sanità. Bruna Marchetti e Tiziana Mattiazzi, filosofe e socie di LAI - Libera Associazione di Idee che con l'OMCeO veneziano e l'Università di Ca' Foscari hanno curato tutto il percorso di riflessione, raccontano sul web il senso di questa esperienza. «Il Nuovo Medico - scrivono tirando le conclusioni - deve recuperare la sua arte, quella che ha deposto per occuparsi o pre-occuparsi della macchina, per utilizzarla con e per l’umano, attivando modalità positive, non-oppositive, a-duali, accoglienti, compassionevoli, culturalmente femminili, ma che possono essere adottate indifferentemente dal proprio genere».

Clicca qui, su Quotidiano Sanità, per leggere la versione integrale dell'articolo

Segreteria OMCeO Ve
Categoria News: 
Dalla Rete
Pagina visitata 472 volte