Medicina e filosofia, ecco perché sono vicine. Il convegno veneziano su QS

Medici e macchine: l'importante riflessione che ormai da tempo si è sviluppata all'OMCeO veneziano e al centro della due giorni di studi in programma venerdì 16 e sabato 17 giugno a Venezia approda su Quotidiano Sanità. Le filosofe Bruna Marchetti e Tiziana Mattiazzi, soce di LAI - LIbera Associazione di Idee, che saranno protagoniste sia del simposio sia del convegno scientifico, raccontano come è nata e come si è sviluppata l'esperienza in laguna, l'incontro-confronto tra scienza e umanesimo che ha portato alla riflessione sul ruolo delle macchine nella professione medica e odontoiatrica. 

«Tutto il territorio entro cui la medicina si muove - scrivono tra l'altro Marchetti e Mattiazzi - va rivisitato: è necessario approntare nuove mappe che ne delineino le regioni di intervento e la morfologia in accordo con una nuova capacità di guardare e di abbracciare la complessità dei sistemi entro cui questa arte si muove. Lavorare, quindi, sul medico e intorno alla professione, alle prerogative, alle autonomie, ai  modi di giudicare il malato, ai rapporti con i contesti: questa a nostro avviso si presenta come la premessa necessaria nella cura per il paziente, per il medico, e per la stessa medicina. Un’opera salvifica a tutto tondo».

Per leggere l'articolo integrale di Quotidiano Sanità clicca qui

Se vuoi iscriverti al simposio di venerdì 16 giugno clicca qui

Se vuoi iscriverti al convegno scientifico di sabato 17 giugno clicca qui

Per approfondire il tema clicca qui

Segreteria OMCeO Ve
Categoria News: 
Notizie medici
Pagina visitata 94 volte