Medici di famiglia, intesa con la Regione. Stop allo sciopero

Sono dovuti ricorrere alle maniere forti - prima lo sciopero bianco, quello della trasmissione della ricetta, poi la chiusura degli ambulatori per due giorni, l'8 e il 9 novembre - ma, alla fine, un risultato l'hanno ottenuto: la Regione è tornata a sedersi a un tavolo di trattativa con i medici di famiglia per affrontare i temi su cui era nata la protesta. Le tre nuove giornate di sciopero previste per dicembre, con un gran respiro di sollievo da parte, in primis, dei camaci bianchi, sono state sospese. Questo il comunicato diffuso dalla sezione Veneto della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale dopo l'incontro a Palazzo Balbi. 

COMUNICATO STAMPA

Le Organizzazioni Sindacali comunicano che, in data odierna, in Riunione a Palazzo Balbi a Venezia con l'Assessore alla Sanità della Regione Veneto, Luca Coletto, si è raggiunto un accordo che consente di sospendere lo sciopero previsto per i prossimi giorni dai Medici di Medicina Generale.
Si è riaperto il fronte di collaborazione sulla costituzione del Fascicolo Sanitario Elettronico, sulla progressione delle forme associative (medicine di gruppo integrate, medicine di gruppo semplici e reti), sulla rimodulazione delle delibere riguardanti la Continuità assistenziale, le case di riposo e gli ospedali di comunità.
La Professione dichiara soddisfazione per la conclusione della protesta. L'accordo raggiunto dimostra la fondatezza delle ragioni della medicina generale.
Ringraziamo tutte le forze politiche e sociali che hanno sostenuto la medicina generale cogliendo il valore delle motivazioni a tutela del cittadino fragile e della sua famiglia.
I Medici di Famiglia del Veneto si augurano che non siano più necessarie azioni così radicali e che la politica, sia di governo che di opposizione, continui a dimostrare lo stesso interesse di questi giorni sui temi sollevati dai medici di medicina generale.
Il benessere dei cittadini e delle famiglie venete deve essere il punto centrale della politica con la P maiuscola, sia nella sua funzione di governo che di controllo.
I Medici di Famiglia di questa regione rientrano nei loro studi a continuare quello per cui sono stati formati: aver cura delle persone.
Il come ed i mezzi a loro disposizione devono essere identificati da tutti i rappresentanti dei cittadini.

Venezia, 11 dicembre 2017

Segreteria OMCeO Ve
Categoria News: 
Dalla Rete
Pagina visitata 189 volte