Editoriale di fine d'anno ed auguri di Buon 2019.

Cari Colleghi , finisce oggi l’ A.D. 2018 , un anno importante per l’ OMCeO Venezia che inizia con il rinnovo triennale delle cariche nazionali della Federazione.

Cambia la Presidenza che va da Gorizia a Bari , la Segreteria da Udine a Siena, la Tesoreria da Salerno a Torino , la Presidenza Odontoiatri da Messina a Salerno , cambia anche la Direzione Generale, la titolarità va da Roma a Bari, ma la Vicepresidenza resta a Venezia. Su 106 Ordini disponibili durante le elezioni , questo non è un caso ma il risultato di un grosso lavoro di una squadra con grandi individualità al suo interno e di questo sono particolarmente orgoglioso ben conscio del relativo carico di responsabilità.

A livello ENPAM Giuliano Nicolin è stato eletto nel Consiglio Nazionale e Malek Mediati confermato nel Collegio del Revisori del Conti, un ente previdenziale solido per la sicurezza di generazioni di medici in un momento in cui anche le pensioni vengono messe in discussione ed al ribasso. Il 2018 con la nuova Presidenza Anelli è stato caratterizzato da un continuo pressante sforzo in termini di attività politica e di comunicazione a tutto campo a favore dei medici, degli odontoiatri, dei cittadini sopratutto , dalla campagna sulla Fake News con l’ utilizzo di cartelloni sulle principali città italiane tra cui Venezia e Mestre , a quella contro la Violenza sui Medici , all’ultima petizione on line per la sospensione di spot pubblicitari televisivi sull’errore medico che offendono la dignità dell’intera categoria .

Quest’ultima mentre scrivo partita il 27 dicembre ha già superato in pochi giorni le 35.000 firme e l’adesione continua https://secure.avaaz.org/it/community_petitions/Ministro_Giulia_Grillo_Si_usi_la_Rai_per_promuovere_il_Sistema_Sanitario_pubblico_e_la_dignita_dei_professionisti/dashboard

Sono due aspetti del medesimo dell’assalto di interessi commerciali alla diligenza della salute pubblica, uno stile di comportamento reso possibile da leggi troppo permissive , il danno maggiore è per il cittadino ancora prima del medico, e chi ha incarichi di rappresentanza deve fare il suo dovere per la difesa della verità in un ambiente difficile , quello della pubblicità , con i tutti mezzi a disposizione, ma deve contare sul sostegno della categoria .

E’ stato l’anno anche dell’aumento delle borse di studio triennali per la Medicina Generale da 800 a 2000 a livello nazionale e per il Veneto dovrebbero essere almeno 120 dalle 60 del 2017 . Un risultato concreto frutto di una campagna nazionale combattuta sulla stampa e nelle stanze della politica . Un piccolo passo per il rinnovo generazionale , un grosso sforzo per OMCeO Ve che si rapporta direttamente con la Regione Veneto in quanto Ordine capoluogo di Regione e che con il Vicepresidente Maurizo Scassola ha organizzato in poco tempo per la R. V. 7 Commissioni di esame per centinaia di domande ( 850 nel 2017 N.d.A ) . Il prossimo passo sul rinnovo generazione, sulla tutela del giovani passa per l’aumento della borse di studio per le Scuole di Specializzazione , senza se e senza ma .

Il coro della “vergini ferite” a livello politico - organizzativo sulla carenza degli specialisti per gli ospedali è ipocrisia allo stato puro: il dato di 1300 medici in deficit a livello solo del Veneto certificato dagli uffici regionali su specifica richiesta di un sindacato medico non si raggiunge in un anno ma è frutto di una strategia di tendenza nazionale al risparmio sulla qualità dell’assistenza pubblica. Se i dati fossero resi noti a livello di tutte le regioni d’Italia la carenza di assistenza dovuta al blocco di assunzioni di circa 10.000 - 15.000 medici sarebbe manifesta in tutta la sua gravità . Almeno nel Veneto sono stati onesti a confermarlo.

Le problematiche delle liste di attesa nascono da qui , dalla carenza di risposta istituzionale che costringe chi può a pagare una prestazione e chi non può ad aspettare ed a protestare.

Lo sciopero nazionale della dipendenza ospedaliera dello scorso 23 novembre sarà seguito nel 2019 da nuove agitazioni per scuotere lo stato di immobilità istituzionale verso la nostra categoria . Allo stato , tra le cose che erano state poi realmente fatte , non è dato di sapere quale sarà poi il destino delle Medicine Integrate a livello del Veneto , tra le poche attivate una storica quella di Cavarzere e Cona si è distinta per il servizio adeguato nell’area a più bassa densità di popolazione della provincia di Venezia , visto l’annuncio di nuova costituzione di questo servizio nella zona di Caorle c’è da sperare nel mantenimento di tipologie innovative di assistenza al cittadino .

Ma il 2018 è stato anche l’anno delle celebrazioni per i 40 anni del Servizio Sanitario nazionale, equo , solidale universale , del rinnovo dell’Ordinamento degli Ordini trasformati in organi sussidiari dello Stato , del riconoscimento dell’importanza del medico direttamente durante l’incontro inedito e storico del Comitato Centrale al Quirinale con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, dell’ elezione del Presidente OMCeO Rovigo Francesco Noce alla Presidenza della Federazione degli Ordini del Veneto .

OMCeO Ve ha celebrato con un congresso di levatura nazionale i quarant’anni del nostro SSN a settembre con Venezia in Salute , la Fondazione ARS Medica con Ornella Mancin e Gabriele Gasparini ha organizzato una edizione record di VIS in centro a Mestre con 46 enti ed associazioni ed un concerto finale che ha riempito Piazza Ferretto.

Oltre ai tradizionali incontri di aggiornamento ai fini ECM per gli iscritti lì’Ordine sta concretizzando per il 2019 una importante trasformazione burocratico-amministrativa con Luca Barbacane e la Direttrice Carla Carli attraverso un nuovo sito internet che avrà funzioni interattive oltre che di informazione, una rivoluzione informatica per essere al passo con i tempi secondo le nuove normative e velocizzare molte procedure.

Ringrazio quindi tutti i colleghi a cominciare dai membri del Consiglio e responsabili delle varie Commissioni, gli Avvocati Mario Giordano e Giorgio Spadaro, il Commercialista Piero Cagnin, la giornalista Chiara Semenzato ed il video maker Enrico Arrighi , tutte le nostre Segretarie, Il Comune di Venezia con l’Assessore Simone Venturini e la delegata Nicoletta Codato in particolare per il contributo fondamentale per Venezia in Salute e la Giornata del Medico al Teatro Goldoni , le Direzioni della AULSS 3 Serenissima , AULSS 4 Veneto Orientale e la Scuola Grande di San Marco per le collaborazioni di tutto un anno a livello intellettuale e materiale .

Una citazione particolare concedetemi la devo fare ai responsabili dei media : stampa e televisione nel 2018 hanno seguito l’ Ordine di Venezia e la Federazione Nazionale come mai in passato.

Forse avevamo qualcosa da dire , forse quello che dicevamo era ritenuto importante , forse stiamo recuperando sul piano della credibilità ed autorevolezza di rappresentanti della professione , comunque li ringrazio per l’attenzione alla nostra categoria nel rispetto della vera essenza dell’essere medico nella quotidianità del rapporto medico-cittadino , in un momento storico in cui articoli su mazzette ed esempi di alta professionalità non sono la normale, sistematica attività che caratterizza il nostro lavoro, ma fanno la notizia .

A volte serve un momento di riflessione più profonda e se non si comunica la vera condizione in cui tutti i medici lavorano oggi , niente cambierà anche ed in particolare per i pazienti.

Buon 2019 a tutti .

Il Presidente OMCeO Provincia di Venezia

Dott. Giovanni Leoni

Amministratore
Categoria News: 
Notizie medici
Pagina visitata 268 volte