Assalto alla CGIL: solidarietà anche dall'OMCeO Venezia

L'assalto alla sede della CGIL durante il corteo no Green Pass a Roma. Anche da OMCeO Venezia la massima solidarietà alla CGIL, oggetto di odio e violenza. Viva la Democrazia. G. Leoni

Ufficio stampa FNOMCeO 10.10.2021

Anelli (Ordini medici): «Piena solidarietà a CGIL, disponibili a incontro per iniziative comuni in difesa della democrazia»

«Piena solidarietà a Maurizio Landini e alla CGIL. L’assalto e la devastazione della sede nazionale del sindacato costituiscono un grave attacco alla democrazia, della quale i sindacati sono presidio». Così il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici (FNOMCeO), Filippo Anelli, all’indomani dei violenti disordini a Roma e mentre è in corso l’assemblea generale della CGIL.
«Un attacco gravissimo e senza precedenti – prosegue Anelli – se non negli anni più bui della nostra storia. Una violenza inedita e da non sottovalutare, messa in atto da chi invoca la libertà e si avventa contro le istituzioni che tale libertà sorvegliano e custodiscono».

«Nel nostro ordinamento – continua Anelli – i sindacati sono posti a tutela dei diritti costituzionalmente protetti dei lavoratori e dei cittadini. Per la Costituzione, infatti, il lavoro è un principio, fondamento della stessa Repubblica, è un diritto, è un dovere. È presupposto e garanzia della salute, dell’integrità fisica, dello sviluppo morale della personalità. Cieca, dunque, è quella società che rivolge la sua rabbia cannibale contro chi tutela i suoi stessi diritti».

«Come Ordini dei Medici – conclude Anelli – che lo Stato pone a garanzia proprio dei diritti fondamentali alla salute, all’uguaglianza, siamo vicini senza se e senza ma alla CGIL e a tutte le organizzazioni sindacali. Siamo pronti a condividere ogni iniziativa utile in difesa della democrazia. Siamo disponibili a incontrarci, nel nome di quei valori civili e sociali sui quali i padri costituzionali hanno costruito la nostra Repubblica, di quel bilanciamento di diritti e di doveri sul quale si regge la nostra libertà».

Segreteria OMCeO Ve
Categoria News: 
Dalla Rete
Pagina visitata 64 volte