Coronavirus, due casi al Civile Venezia. Leoni in turno: «Grazie al personale per il coraggio e la dedizione»

C'era anche il presidente dell'OMCeO veneziano e vice FNOMCeO Giovanni Leoni in turno ieri all'Ospedale Civile di Venezia, dove lavora come chirurgo, quando si è diffusa la notizia di due persone ultra ottantenni ricoverate nella struttura a causa del coronavirus. Immediato il sostegno al personale sanitario, tra le categorie più esposte in queste ore al contagio, che si è speso «con coraggio e dedizione - ha dichiarato il dottor Leoni al Gazzettino di Venezia in edicola oggi, lunedì 24.02.2020 - pur sapendo che il loro lavoro mette a rischio la loro salute e quella della loro famiglie».

Già nelle scorse ore il presidente era intervenuto sulla stampa - Il Gazzettino di Venezia e Il Corriere del Veneto nell'edizione di eri domenica 23.02.2020 - per rassicurare e dare qualche utile consiglio sull'uso delle mascherine e sulla necessità della quarantena. «La situazione va tenuta sotto controllo - ha spiegato - ma non è ancora critica. Non facciamoci prendere dal panico, la malattia è seria, ma la Regione ha messo in campo ottime misure di contenimento». Attivate, infatti, nelle ultime ore dalla Regione Veneto alcune misure straordinarie per limitare il diffondersi del contagio: dalla chiusura delle scuole allo stop a tutte le manifestazioni, Carnevale compreso, anche sportive fino al primo marzo 2020.

In allegato il pdf degli articoli

Segreteria OMCeO Ve
Categoria News: 
Dalla Rete
Pagina visitata 595 volte