Lockdown totale subito: il presidente Leoni su The Guardian e Rcs Salute

Superata in Italia la soglia psicologica di un milione di contagi da Covid-19. La situazione nei reparti ospedalieri e soprattutto nelle terapie intensive si fa sempre più critica. Anche per questo da qualche giorno la FNOMCeO ha chiesto un lockdown immediato e generale. Richiesta di cui si fa portavoce il vice nazionale e presidente dell'OMCeO veneziano Giovanni Leoni intervistato ieri, mercoledì 11 novembre 2020, da The Guardian e da Alessia Adorno per RCS Salute.

Qui l'intervista a The Guardian: https://www.theguardian.com/world/2020/nov/11/italy-passes-1m-covid-cases-as-calls-grow-for-national-lockdown

Guarda l'intervista a RCS Salute:

L'articolo di The Guardian:

L'Italia supera 1 milione di casi Covid mentre crescono le richieste di blocco nazionale
L'Italia è il terzo paese dell'Europa continentale, dopo Spagna e Francia, a superare il traguardo

L'Italia ha superato 1 milione di infezioni da coronavirus confermate mercoledì, poiché il bilancio delle vittime è aumentato rapidamente in una seconda ondata che sta devastando gli ospedali.

Il governo sta aspettando il suo tempo per ricorrere a un altro blocco nazionale nonostante le ripetute chiamate di medici sopraffatti per una tale politica.

Mercoledì sono stati registrati altri 623 decessi correlati a Covid, il conteggio giornaliero più alto dall'inizio di aprile e ci sono state 32.961 nuove infezioni. L'Italia è il terzo paese dell'Europa continentale , dopo Spagna e Francia, a superare 1 milione di casi.

L'Italia è stato il primo paese in Europa a essere colpito dalla pandemia e ha il più alto numero di vittime del continente, con 42.953. I medici hanno detto che questa settimana ci sarebbero stati altri 10.000 morti in un mese a meno che non fossero intraprese azioni drastiche.

Ora ci sono 29.444 persone ricoverate in ospedale per Covid-19 in tutto il paese, il numero più alto dall'inizio della pandemia.

"Abbiamo bisogno di un blocco generale come quello di marzo e aprile, forse per due o tre settimane o un mese, per abbassare il tasso di infezione", ha detto Giovanni Leoni, vicepresidente di una federazione medica italiana. "Il numero di ricoveri in terapia intensiva raddoppia ogni 10 giorni e a questa velocità sarà molto difficile garantire cure a pazienti con altre malattie".

La soglia critica dei pazienti Covid che assumono il 30% della terapia intensiva è già stata superata in alcune regioni e gli ospedali faticano a trovare spazio per le persone nei reparti generali. Le ambulanze fanno la fila fuori dai reparti di emergenza nella città settentrionale di Torino, duramente colpita, dove le squadre di emergenza stanno curando anche i pazienti Covid nelle loro case. Una donna di 21 anni, altrimenti in buona salute, è morta di Covid in uno degli ospedali della città questa settimana.

Nella città meridionale di Napoli, le persone sono state curate per Covid nelle loro auto mentre aspettavano fuori dagli ospedali. Uno dei motivi del caos è che le persone si affrettano alle unità di emergenza anche con sintomi lievi.

Più a sud, dove gli ospedali sono meno attrezzati di quelli del nord più ricco, più preoccupante è la situazione. Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, ha detto che la sua città e il resto della Sicilia rischiano di dirigersi verso “un massacro annunciato”.

La scorsa settimana la Sicilia è stata collocata nella “zona arancione” a medio rischio come parte del sistema a più livelli del governo, che impone livelli variabili di restrizioni alle regioni in base a fattori quali il tasso di trasmissione Covid, l'efficienza ospedaliera e la disponibilità di posti letto in terapia intensiva.

Il numero di questi posti letto in tutta Italia è passato da 5.000 all'inizio della pandemia a 7.500, ma mancano gli anestesisti. Ci sono 3.081 pazienti Covid in terapia intensiva a livello nazionale e il tempo medio trascorso lì è di due o tre settimane.

"È una situazione molto complicata", ha detto Tuttlio Prestileo, medico di malattie infettive dell'ospedale Benfratelli di Palermo. “Martedì ci siamo incontrati con il governo regionale per aumentare gli spazi di terapia intensiva. Stiamo facendo uno sforzo sovrumano. Ma non possiamo garantire lo spazio a tempo indeterminato."

Nell'ultimo mese 18.000 operatori sanitari sono stati contagiati da Covid mentre svolgevano il loro lavoro, aggravando le carenze.

Silvio Scotti, il presidente della Federazione italiana dei medici di base, ha anche chiesto un blocco nazionale e ha descritto il sistema a tre livelli del governo di rosso, arancione e giallo come "uno scherzo di un puzzle".

"Abbiamo medici, infermieri, operatori sanitari, addetti alle pulizie, persone che combattono questa battaglia da mesi", ha detto a Sky TG24.

Il premier, Giuseppe Conte, ha dichiarato mercoledì a La Stampa di essere in attesa di vedere se le recenti misure avranno un impatto sulla curva dei contagi nei prossimi giorni. "È vero, ci sono questioni critiche", ha detto. "Ma un blocco generalizzato non dovrebbe essere la prima scelta: i costi sarebbero troppo alti."

Segreteria OMCeO Ve
Categoria News: 
Dalla Rete
Pagina visitata 197 volte