Mascherine, la replica dell'Ulss 3. Leoni su possibile chiusura ambulatori

Più di 9mila le mascherine consegnate ai medici di famiglia e più di 4.800 quelle ai pediatri: con una nota l'Ulss 3 Serenissima risponde all'appello lanciato ieri dal vicepresidente dell'OMCeO veneziano Maurizio Scassola che lamentava la scarsità di presidi di sicurezza per chi è di fatto il primo baluardo nella lotta al coronavirus. L'azienda sanitaria precisa anche che le mascherine consegnate sono adeguate e che quelle "filtranti", vista la scarsità, come da indicazioni dell'OMS, vanno «riservate all'ambiente ospedaliero là dove avvengono le manovre invasive sulle vie respiratorie». Tutti i dettagli nell'articolo pubblicato oggi, martedì 10 marzo 2020, sul quotidiano La Nuova Venezia (in allegato).

Intanto le aziende sanitarie svuotano reparti e cercano di riorganizzare i posti letto per fronteggiare l'emergenza. Possibile che si decida di chiudere l'attività ambulatoriale per concentrarsi sull'urgenza. Lo spiega il presidente dell'Ordine e vice FNOMCeO Giovanni Leoni oggi al Corriere del Veneto.

In allegato i pdf degli articoli.

Segreteria OMCeO Ve
Categoria News: 
Dalla Rete
Pagina visitata 384 volte