Medicina territoriale ‘attenzionata’, nel bene e nel male. Mancin su Qs

L'importanza dei medici di famiglia e della medicina del territorio durante l'emergenza Covid-19 e non solo. Ornella Mancin, medico di medicina generale a Cavarzere, consigliera dell'OMCeO Venezia e presidente della Fondazione Ars Medica, affida le sue riflessioni alla rivista on line di settore "Quotidiano Sanità". Potete leggere l'articolo, pubblicato il 14 giugno 2020, anche a questo link diretto: http://www.quotidianosanita.it/lettere-al-direttore/articolo.php?articolo_id=86190

Gentile Direttore,
la pandemia di Covid-19 ha fatto emergere il valore della medicina territoriale. Lo ha scritto persino Beppe Severgnini sul Corriere (12 giugno): “I medici di famiglia servono ancora… il medico di famiglia è la sentinella della salute pubblica... il perno delle cure primarie… il professionista dell’intuizione informata e della prima diagnosi”. Un bel riconoscimento a neanche un anno dall’annuncio al Meeting di Comunione e Liberazione a Rimini, da parte di un noto politico, che il medico di famiglia non serve più (“Chi va più dal medico di base?”).
La stessa Corte dei Conti nel suo rapporto sul Coordinamento della finanza pubblica (Qs, 30 maggio) ha messo in evidenza il valore delle cure territoriali nel fronteggiare l’emergenza:  “L’insufficienza delle risorse destinate al territorio ha reso più tardivo e ha fatto trovare disarmato il primo fronte che doveva potersi opporre al dilagare della malattia e che si è trovato esso stesso coinvolto nelle difficoltà della popolazione, pagando un prezzo in termini di vite molto alto”.
In questo periodo molte altre voci si sono alzate a lodare l’attività dei medici di famiglia riconoscendo per esempio che sono stati proprio loro in Veneto ad esercitare un ruolo di rilievo nel contenimento dell’epidemia.

Peccato che alle parole non sembra che stiano seguendo i fatti. In questi giorni il Segretario Nazionale della FIMMG, Silvestro Scotti, denuncia l’enorme numero di emendamenti al Decreto Rilancio, i cui effetti prodotti vanno, a suo dire, verso “la marginalizzazione del ruolo del medico di medicina generale, l’azzeramento della formazione specifica in medicina generale, la sottoutilizzazione del fascicolo sanitario elettronico” oltre che a  proporre il “passaggio alla dipendenza dei medici di medicina generale”.

Viene il dubbio che molti, specie tra i nostri legislatori, non abbiano chiaro il ruolo e il significato di essere medico di famiglia, a partire da quel rapporto fiduciario che permette al paziente di sceglier un medico a cui affidare la propria salute in un percorso che  attraversa tutta la vita. Non c’è nascita, malattia, dalle più banale alla più grave, o lutto, a cui il medico di famiglia non partecipi in una condivisone che spesso va oltre lo stretto rapporto professionale.

Siamo sicuri che la dipendenza possa salvare questo rapporto? Siamo sicuri che senza questo rapporto fiduciario la medicina di famiglia avrebbe la stessa forza, la stessa capacità di conoscenza e di sorveglianza del territorio?
Senza contare che questo porterebbe ad un ulteriore perdita di autonomia professionale. Di fatto il medico di medicina generale è già molto in sofferenza per l’eccessiva burocratizzazione e per i continui limiti imposti al suo agire professionale. Come pensare che la dipendenza possa migliorare questa situazione?
Perché invece non investire per omogenizzare le cure territoriali in tutte le Regioni favorendo la nascita di medicine di gruppo o microteam, togliendo il medico di famiglia dalla sua solitudine lavorativa?

La figura del medico singolo appare ormai anacronistica in un contesto che richiede competenze scientifiche, tecnologiche, informatiche, legislative sempre maggiori.
Nel corso della pandemia il lavoro coordinato di una medicina di gruppo con la condivisone con gli altri colleghi e il supporto di personale di segreteria e di infermeria, può decisamente aver fatto la differenza rispetto al lavoro del singolo che da solo si è trovato a gestire un carico di lavoro quasi impossibile.
Va investito in informatizzazione e  tecnologia. La dematerializzazione delle ricette per i farmaci ripetitivi deve essere implementata in tutto il territorio ed estesa a tutti i farmaci. Va portato a termine il progetto fascicolo sanitario con la possibilità di invio di dati dal territorio all’ospedale e viceversa, perché il fascicolo sanitario deve diventare strumento condiviso di conoscenza della storia del paziente.
Va messo a punto un sistema di teleconsulto che, dove è possibile, potrebbe contribuire a sgravare gli accessi risolvendo a distanza molte problematiche. Va incentivato l’acquisto di strumenti (Elettrocardiografi, spirometri, ecografi…) per l’aiuto nella diagnosi di primo livello.

E soprattutto si deve lavorare perché si concretizzi una Integrazione ospedale/territorio con passaggio di informazioni e contatti tra professionisti dei due ambiti per esempio attraverso l’inserimento nelle medicine di gruppo e nei microteam degli specialisti convenzionati.

Molto altro si potrebbe migliorare: una maggiore integrazione con i servizi sociali, una maggiore collaborazione con il dipartimento di igiene e prevenzione con il riconoscimento del ruolo del medico di famiglia sia per l’indagine che per la sorveglianza epidemiologica, oltre che per le misure di profilassi attiva come le vaccinazioni.
Le cure territoriali devono avere strumenti e risorse per offrire una assistenza sempre più qualificata, che abbia la stessa dignità dell’ospedale e che condivida con esso dei percorsi di cura in grado di prendersi carico dei bisogni di salute del cittadino in tutti i suoi aspetti.

Per questo forse serve una idea più organica di sanità territoriale di qualche singolo emendamento.

Ornella Mancin, Medico di famiglia Cavarzere (Ve)

Segreteria OMCeO Ve
Categoria News: 
Dalla Rete
Pagina visitata 100 volte