San Donà piange il dottor Carlo Patera, stimato medico di famiglia

Un malore lo ha colpito in casa e non gli ha lasciato scampo, vani tutti i tentativi di rianimarlo. Aveva appena 63 anni ed era in pensione da poco il dottor Carlo Patera, stimato e conosciuto medico di famiglia a San Donà di Piave, morto all'improvviso domenica scorsa, 5 dicembre 2021, nella sua abitazione. Siciliano d'origine - era nato a Palermo nel 1958, dove si era laureato nel 1983 - era diventato veneto d'adozione, arrivando in regione nel 1986, iscritto dal 1990 all'Albo di Treviso. Si era specializzato in medicina del lavoro a Trieste nel 1995 e 6 anni dopo in igiene e medicina preventiva a Udine. Ex medico militare nell'Esercito, aveva terminato da poco la sua attività come medico di base, continuando però la vita professionale nell'ambito della Medicina del lavoro.

«Il dottor Patera - scrive l'Ulss 4 Veneto Orientale ricordandolo sul suo profilo Facebook - ha collaborato per anni con la nostra azienda sanitaria come medico di medicina generale con ambulatori a San Donà e Noventa di Piave: ha sempre svolto la propria professione con impegno e dedizione». Un impegno e una dedizione che il dottor Patera applicava anche alla sua attività politica, nella sua veste di consigliere comunale. Profondo cordoglio e sentimenti di vicinanza alla famiglia, infatti, sono stati espressi dal sindaco Andrea Cereser e da tutta l'amministrazione di San Donà. «La sua scomparsa - il commento del sindaco - ci lascia sbigottiti e increduli, perché non avevamo conoscenza di particolari problemi di salute. Esprimo il mio profondo dolore per la morte di un uomo che ha messo impegno e passione nel suo ruolo politico e quindi il cordoglio ai cari, alla famiglia, e a tutte le persone che in tutti questi anni ha curato grazie alla professione di medico».

Il dottor Patera lascia la moglie Maria e due figli, Benedetto e Giulia: a loro e a tutti i loro cari le più sentite condoglianze del presidente Giovanni Leoni e dell'Ordine tutto. I funerali saranno celebrati domani mattina, venerdì 10 dicembre, alle ore 10.30 nel Duomo di San Donà.

L'omaggio, in questi giorni, della stampa locale:

 

Allegati: 
AllegatoDimensione
PDF icon NuovaVenezia_07.12.2021.pdf118.19 KB
Segreteria OMCeO Ve
Categoria News: 
Dalla Rete
Pagina visitata 2507 volte