2022 - Vaccini, medici e tamponi - di G. Leoni

Partendo dallo strano Capodanno di chi è di guardia si passa ad un caso emblematico delle differenze fra come si considera il Covid sui social, allo scontro fra Regione Veneto e FIMMG  sui tamponi , allla richiesta del Presidente Anelli all'attenzione per chi lavora su campo , al caso del chirurgo morto subito dopo uno stressante turno in sala operatoria - Buona lettura e tanti auguri a tutti, ne abbiamo bisogno.  Buon 2022.

Stamattina sono a casa, ho fatto tanti Capodanni di guardia nella mia vita in svariati ruoli, ma non questa volta. Ufficiale medico,  specializzando,  guardia medica, pronto soccorso , e poi tanti, una vita intera  in chirurgia generale. In compenso è di turno mia moglie  che non ho neanche sentito uscire di casa,  probabilmente sulle 7.30 , è internista e va a seguirsi il suo reparto di medicina compresa la riallestita  sezione Covid con i respiratori  da subintensiva - Si può dire comunque che  la famiglia al lavoro oggi  è rappresentata, ed io mi sento quasi in colpa. Naturalmente abbiamo fatto nella nostra vita capodanni identici alla maggior parte delle persone, “non turniste”, per fortuna  ci sono stati anche quelli.
Credo che tutti coloro che hanno scelto, chissà poi perché,  una vita da turnista, in ospedale o in altri ruoli H24 abbiano esperienze simili.

Oggi non escono i giornali e quindi ci si aggiorna in tv, radio  ed in particolare sui social.

Il caso ha voluto che leggessi tra i primi il  post di un signore credo tra i 50 e 60 anni , ma potrei sbagliarmi, vaccinato con 2 dosi ed in attesa della 3^,  in cui raccontava  che il 31 si è dovuto ricoverare d’urgenza per covid  all’Ospedale Galliera di Genova. Ringraziava tutti coloro che lo stavano aiutando, nella foto era con la mascherina dell’ossigeno  e  la “fame d’aria” deve essere una sensazione orribile , non l’ho mai provata ma, durante la carriera,  l’ho vista troppe volte.
Ho visto anche cambiare l’aspetto del paziente quando gli risolvevi il problema, in un modo o nell’altro, per quello che potevo fare io con l’aiuto degli infermieri ,  dall’edema polmonare, all’attacco di asma, al pneumotorace massivo, prima di dover chiamare a volte gli anestesisti  perché la terapia non era sufficiente,  bisognava intubare il paziente.

Ho ben presente il senso del  distacco , tra sollievo (non è più un problema tuo ) e il senso di perdita  (hai fatto quello che potevi fare ma non è stato sufficiente, convinciti che il caso era così ) quando il paziente  parte ormai sedato caricato su una barella con un piccolo corteo ed attaccato ad un monitor con qualcuno che lo ventila con un pallone di gomma  da ventilazione  portatile - si chiama Ambu - e  va si spera verso un destino migliore in Rianimazione , perché ormai solo lì può essere salvato.

Così quando ho letto il commetto di un tipo  che metteva in dubbio la sincerità del post  e  tra le altre cose scriveva  “Si resta sconcertati dagli inopportuni osanna rivolti al personale del Galliera (fanno solo il loro dovere prestando l'opera previo compenso)” con decine di like al suo post ci sono rimasto  malissimo - Trovate  tutto , anche il  mio post dedicato qui  https://www.linkedin.com/feed/update/urn:li:activity:6882953892628316160/?commentUrn=urn%3Ali%3Acomment%3A(activity%3A6882780098416660480%2C6882953871447101441).
Mi limito a dire, e faccio una gran fatica,  che non è con questo atteggiamento negazionista che usciremo dalla Pandemia, anche se per fortuna i social non rappresentano la realtà statistica  del pensiero dell’intera  nazione ma di un certo sottoinsieme sicuramente si .

Altro problema in  questo inizio anno  sono i rapporti fra Regione Veneto  e Medici di Medicina  Generale - E’ partito sulla stampa in data 29/12/21 il Direttore Generale della Sanità Veneto Luciano Flor accusando i colleghi del territorio di prescrivere troppi tamponi ed in modo  non appropriato  annunciando verifiche sul loro operato (allegati 1-2-3 ) - Rispondeva Maurizio Scassola Segretario FIMMG RV in data 30/12/21 con una intervista in cui rivendicava  che,  a fronte  di un aumento  esponenziale del casi e dei contagio dalla Regione Veneto invece che supporto per la medicina del territorio   arrivavano  critiche per la prescrizione di troppi  tamponi in un contesto di emergenza sanitaria  documentata in atto. (allegati 4-5 )

In data 31/12/2021 la Regione Veneto dedicava al problema un intera pagina sempre sul Gazzettino con dovizia di tabelle  e la  conclusione  dell’articolo (allegato 6 ) era  che “ complessivamente medici e pediatri  hanno prescritto quasi 300 mila tamponi e ne hanno fatti neanche  24 mila “ Alla fine i Mmg  ed i Pediatri di Libera Scelta - PLS - hanno prescritto a testa tra i 2.9. ed i 4.5 al giorno  calcolate le 9 Aulss del Veneto -
La RV in certi casi è sorprendentemente  rapida ed esaustiva nel fornire certi  dati, in altri casi  tipo conoscere il numero dei medici  in  servizio con le relative carenze  fra assunti e pensionati per anno, nonostante le relative richieste dei sindacati di categoria  deficita  un pò, in merito siamo fermi alla comunicazione del Dott. Mantoan del dicembre 2018, nonostante le richieste reiterate dei sindacati di categoria,  ma noi siamo fiduciosi.

Mi riferisco  qui in particolare al  Pronto Soccorso e Terapia intensiva  che risultavano in deficit di 150 medici prima della Pandemia , perché al successivo ed evidenziato aumento del letti  nei reparti dedicati non mi sembra che corrisponda  un aumento del medici e degli infermieri, a fronte del carico di lavoro aumentato in modo esponenziale ,  ma potrei sbagliarmi…

Sul punto, mi permetto di sottolineare come appaia logico l’aumento della richiesta dei tamponi  da parte del Mmg e Pls  a fronte dell’andamento della pandemia, visto che il tempo di assistenza  del colleghi dedicato all’esecuzione di tamponi  non può essere aumentato in proporzione  al numero dei casi quotidiano.

Nei fatti per ogni nuovo paziente preso in carico consegue tutta la parte anamnestica , clinica e terapeutica che è compito specifico del medico al netto  dei minuti necessari a eseguire un tampone nei soggetti a rischio, con i relativi tempi di  vestizione e procedura  del caso per singolo paziente.

Tradotto : se hai tanti più casi da trattare nella loro complessità  devi delegare per forza ad altri alcuni compiti se possibile,  in questo caso i tamponi, altrimenti non ne vieni fuori.

Per la cronaca , sempre sul Gazzettino, su dati del Ministero della Salute  i casi accertati di incremento giornaliero  nel Veneto in data 15 dicembre 2021 erano + 4.088  al giorno quindici giorni dopo  al 31 dicembre  2021 siamo arrivati a + 10.376 , il 15 novembre 2021 eravamo a  +461 - quattrocentosessantuno - ed  il  titolo di testa era “Covid, l’Italia è assediata “ (allegato )

Domani 2 gennaio che titolo mettiamo ?  

Perché il bollettino di oggi  1 gennaio sempre del Gazzettino  riferisce + 14.270 positivi  (allegato )  Ed in una situazione del genere  nei fatti accusiamo  i medici ed i pediatri di nullafacenza  a fronte di tutto il carico di lavoro aggiuntivo che si somma alla  routine delle altre patologie , perché ricordo  che esistono  anche quelle , che si somma all’ondata di richieste specifiche Covid nei vari ambulatori ?

Molto male Dott. Flor , molto male, una perdita di tempo, a mio modesto parere lei  ha innescato  una polemica  sterile  in una situazione in cui necessitano sinergie tra professionisti e tutela dei sanitari in prima linea tra Territorio ed Ospedale.

Concludo con una citazione  dovuta al  Presidente di tutti noi medici Filippo Anelli dal portale  FNOMCeO     “Apprezziamo l’aumento del Fondo sanitario nazionale previsto dalla Legge di Bilancio: un incremento di 2 miliardi l’anno per tre anni, che porta lo stanziamento per il 2022 a 124,061 miliardi, che diventeranno 126,061 miliardi per il 2023 e 128,061 miliardi per il 2024. Riconosciamo al Ministro della Salute Roberto Speranza il merito di essersi impegnato, già da prima della pandemia, per cambiare l’orientamento e tornare a vedere la salute e la sanità come terreno sul quale investire, e non come un costo da tagliare, accrescendo il Fondo di dieci miliardi rispetto a poco più di due anni fa. Ora è il momento di riconoscere l’immenso e insostituibile apporto che i medici e il personale sanitario hanno dato e continuano a dare al Servizio sanitario nazionale: un contributo che ha permesso di far fronte alla crisi generata dal Covid, e, ancor prima e oltre, a tante criticità generate dalle politiche miopi del passato”. (allegato comunicato)   https://portale.fnomceo.it/manovra-anelli-fnomceo-bene-aumento-fondo-voluto-dal-ministro-speranza-ora-ascoltare-disagio-medici/

Un invito quindi alle Autorità : ascoltate il disagio dei medici, gente che lavora sempre come gli infermieri e gli altri operatori sanitari  per la salute delle persone, chi ha il potere politico ha il dovere di sostenere queste categorie in questo momento come sempre .

Ricordo, come esempio di dedizione al dovere  per tutti , il caso del collega  chirurgo  morto per infarto a Bari il 23 dicembre scorso dopo 12 ore di lavoro continuo in sala operatoria dopo aver lavorato anche prima 8.00-14.00 durante la giornata. L’avevano chiamato in reperibilità finito il suo lavoro quotidiano - Aveva già dato per quel giorno come tutte le persone normali , ma  lui non era una  persona con una vita normale , per lui non era finita.  Si era scelto una vita così . Si chiamava Raffaele Sebastiani, per quanto mi riguarda ho perso un fratello,  anche se non lo mai conosciuto  , un abbraccio alla famiglia anche da qui. https://www.ilmessaggero.it/salute/storie/raffaele_sebastiani_morto_infarto_12_ore_sala_operatoria_medico_covid_bari_ultima_ora_cosa_e_successo-6401911.html


Di questo caso , di come si arriva in certe situazioni ,  ne parleremo in seguito in un articolo dedicato.


Questo  è un esempio emblematico di condizioni lavorative in stato di  stress continuato  molto diffuse in certe categorie, abitudini forzate che conosco bene, che combatto da una vita ed hanno suscitato in me uno stato di disagio  che mi ha spinto ad essere rappresentate  della categoria in vari ruoli, per dare una voce agli altri che stanno zitti e subiscono.

Per il resto, Buon 2022 a tutti, ci aspettano  giorni duri ,  inutile negarlo, ma  il progresso della scienza  è inarrestabile , ci saranno anche  nuove varianti ma anche nuovi  vaccini e gli attuali fanno ancora bene il loro lavoro se  completati con la terza dose, ci saranno   nuovi pazienti ma decorsi migliori in particolare per i vaccinati , nuovi farmaci sono all’orizzonte per tutti   e spero che , insieme ai vaccini che si dimostreranno fondamentali come sono sempre stati nella recente storia  dell’umanità,  siano il cambio di tendenza  all’evoluzione della Pandemia.

Il Presidente OMCeO Venezia - Vicepresidente FNOMCeO
                             Dott. Giovanni Leoni

 

 

,

 

Amministratore
Categoria News: 
Notizie medici
Pagina visitata 805 volte