Emigranti intellettuali: il medico neuroradiologo Emanuele Orrù

Un caso emblematico quello del nostro collega di Mestre, Emanuele Orrù. Quando si parla dei nostri giovani medici che dopo la laurea cercano di realizzare i propri sogni coltivati durante la scuola superiore e l'università è utile poi portare degli esempi concreti sulla "fuga dei cervelli" all'estero.

La maggior percentuale di medici stranieri negli Usa è di origine italiana, non abbiamo esportato in America solo mafia, pizza e mandolino.

Anche  se i dati  in rete sulla percentuale di patrimonio artistico in Italia  sono discordanti, siamo un paese di artisti, e continuiamo a dimenticarlo, tralasciando tutti gli scienziati.

Staccarsi da casa, dalla famiglia e dai propri amici non è cosa da poco, solo dei potenti ideali possono essere alla base di questa scelta e nel caso di Orrù, titolo giornalistico a parte, non erano i soldi alla base ma la propria realizzazione professionale.

Quando si lavora a certi livelli non hai nenche il tempo di pensare ad altro, sei già contento cosi.

A noi che restiamo in Italia il compito di segnalare una stagnazione professionale nazionale ai nostri politici di tutti i colori, e creare le condizioni per un mutamento della situazione a favore dei nostri pazienti italiani, perchè il nostro Dott. Emanuele Orrù adesso cura gli americani.

Grazie alla giornalista Raffaella Ianuale ed a " Il Gazzettino" per l'attenzione alla nostra categoria .

Il Presidente OMCeO Venezia

        Giovanni Leoni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Allegati: 
AllegatoDimensione
Ema.pdf699.12 KB
Amministratore
Categoria News: 
Notizie medici
Pagina visitata 577 volte