L'addio e l'omaggio al dottor Salvatore Finocchiaro, stimato ginecologo

«Sulla soglia degli 89 anni - li avrebbe compiuti a luglio - ci ha lasciato il dottor Salvatore Finocchiaro, valentissimo ginecologo attivo a Venezia dal 1958 al 2011, conosciuto da almeno due generazioni di medici del territorio lagunare, dove ha fatto nascere migliaia di bambini.

Nato a Modica, in provincia di Ragusa, si era laureato nel 1957 all'Università di Catania, iscrivendosi poi subito alla specialità di Ostetricia e Ginecologia. Il dottor Finocchiaro arrivò a Venezia l'anno dopo, per sua precisa scelta, come ufficiale medico alla Caserma Cornoldi che distava pochi metri dalla struttura Ostetrica della Pietà e che divenne il suo primo luogo di lavoro, dove rimase fino all'apertura dellla nuovissima struttura Ginecologica del Fatebenefratelli.
Qui operò dal 1965 fino al 1986 quando, in seguito alla chiusura del reparto, venne trasferito all’Ospedale Civile ove rimase fino al 1992.

La totale dedizione ai reparti ospedalieri non impedì al dottor Finocchiaro di prestare consulenza ENPAS in centro città e consultoriale a Burano e Chioggia e di essere sempre disponibile - senza orario per le sue pazienti gravide! - nel suo ambulatorio fino al 2011.

In tutti noi il caro Turi, come era chiamato dai colleghi più vecchi, lascia un gran vuoto difficilmente colmabile».

Nonostante sia passato già qualche giorno dalla sua scomparsia, pubblichiamo volentieri questo doveroso omaggio - senza fronzoli, asciutto e modesto, esattamente come era lui - al dottor Salvatore Finocchiaro che si è spento, amorevolmente assistito fino all'ultimo dalla sua famiglia, lo scorso 29 maggio. I funerali sono stati celebrati lo scorso primo giugno nella chiesa veneziana dei Santi Apostoli. Un signore discreto, che non ha mai voluto apparire, un professionista serio che mai si risparmiava per le proprie pazienti. Un uomo che ha dato tanto.

Il dottor Finocchiaro lascia la moglie Silvana e le figlie Giorgia, Alessandra e Claudia: a loro e agli altri famigliari le più sincere condoglianze del presidente Giovanni Leoni, che lo definisce "uno stimato collega, una bravissima persona, un uomo per bene", del consiglio direttivo e dell'Ordine tutto.

Segreteria OMCeO Ve
Categoria News: 
Notizie medici
Pagina visitata 376 volte