Studi dentistici: le indicazioni della Federazione degli Ordini del Veneto

RIBADIAMO QUANTO GIÀ SCRITTO E PUBBLICATO SUL SITO DELL’ORDINE E DI SOTTO RIPORTATO, RICORDANDO CHE SI RACCOMANDA A TUTTI GLI STUDI MEDICI ED ODONTOIATRICI LIBERO-PROFESSIONALI DI RIDURRE L’ATTIVITÀ PROFESSIONALE ALLA SOLA  REPERIBILITÀ PER LE URGENZE IN MODO DA DIMINUIRE LA POSSIBILITÀ DI CONTATTO INTER-UMANO E DI IMPEDIRE CHE LE EMERGENZE ODONTOIATRICHE SI RIVOLGANO AI PRONTO SOCCORSO DEGLI OSPEDALI GIÀ OBERATI DI LAVORO.

RACCOMANDIAMO INOLTRE DI ATTENERSI ALLE MODALITÀ INDICATE DALLA CAO NAZIONALE E REGIONALE E DA ANDI NAZIONALE. 

Giuliano Nicolin, presidente CAO OMCeO Venezia

Indicazioni precise per l'attività degli studi odontoiatrici in tempo di emergenza coronavirus arriva dalla Federazione regionale degli Ordini del Veneto. Tra le misure:

  • triage telefonico obbligatorio per capire se il paziente può accedere allo studio o se la visita deve essere ricalendarizzata
  • prestazioni solo indifferibili
  • se possibile all'arrivo del paziente ripetere l'anamnesi e misurare la temperatura
  • detergere frequentemente anche la sala d'attesa
  • indossare sempre le protezioni oculari e camici a maniche lunghe

In allegato il documento completo.

Cara collega, Caro collega,

in questo momento così difficile per tutti, le Commissioni Albo Odontoiatri del Veneto come organo istituzionale e ANDI Veneto come sindacato di categoria, hanno il dovere di tracciare per te delle linee di comportamento che ti permettano di svolgere la tua professione con la fiducia necessaria per guardare avanti senza paura.

Quanto detto dal Presidente del Consiglio Conte ieri sera riguarda tutti, nella quotidianità e nella vita professionale. Di questo vogliamo trattare.

Il DPCM pubblicato stamattina in Gazzetta Ufficiale dice che gli spostamenti dei cittadini sono autorizzati solo per “ comprovate ragioni di lavoro, casi di necessità o motivi di salute”. L'analisi di queste parole ci permette subito di commentare che i nostri studi potranno continuare ad essere operativi poiché i pazienti, ci pare indiscutibile, si spostano per “comprovati motivi di salute”. Sarà semmai opportuno, ma questa è una tua scelta, certificare ad ognuno di essi, magari con semplice sms o documento da esibire su smartphone, che si sta recando (o tornando) presso il vostro studio per cure odontoiatriche. Egualmente potrete certificare ai vostri dipendenti e collaboratori che si recano presso il vostro studio per necessità lavorative (dovete precisare gli indirizzi). Consigliamo di estendere tale documentazione anche per gli artigiani odontotecnici con cui siamo soliti avere rapporti di lavoro. Lo svolgimento dell'attività clinica dovrà proseguire con i consueti standard già in essere all'interno degli studi per il controllo delle infezioni e con tutti gli accorgimenti possibili per salvaguardare la salute dei pazienti e degli operatori.

Non ci pare, per ora, vi sia altro da aggiungere ma vi garantiamo la massima attenzione per eventuali sviluppi nell'immediato futuro.

Con la collegialità e la stima di sempre.

I Presidenti delle Commissioni Albo Odontoiatri del Veneto

ANDI Veneto

Allegati: 
Segreteria OMCeO Ve
Notizie
Pagina visitata 4809 volte